fbpx
skip to Main Content
Woodhouse Portaspiedini versione circolare
Woodhouse Portaspiedini versione circolare
Woodhouse Portaspiedini versione circolare
Porta spiedini con gancio a tagliere
Woodhouse Portaspiedini versione circolare
Woodhouse Portaspiedini versione circolare
Woodhouse Portaspiedini versione circolare
Woodhouse Portaspiedini versione circolare
Woodhouse Portaspiedini versione circolare
Woodhouse Portaspiedini versione circolareWoodhouse Portaspiedini versione circolareWoodhouse Portaspiedini versione circolarePorta spiedini con gancio a tagliereWoodhouse Portaspiedini versione circolareWoodhouse Portaspiedini versione circolareWoodhouse Portaspiedini versione circolareWoodhouse Portaspiedini versione circolareWoodhouse Portaspiedini versione circolare

Woodhouse – Porta spiedini in legno e inox

I porta spiedini Woodhouse sono realizzati in faggio e inox. Verniciati con oli alimentari certificati, sono un bellissimo complemento per arredare e presentare la propria tavola.

I porta spiedini Woodhouse sono fatti con legno massello lamellare di faggio da 2 cm e completati con inserti in inox idonei per il contatto con alimenti. Possono essere verniciati con oli alimentari certificati per alimenti così da ottenere tonalità ed effetti differenti (i colori disponibili sono: bianco, cannella, cioccolato, trasparente, tortora, antracite e carta da zucchero).

Woodhouse posso realizzarli di qualsiasi forma e misura. Nelle foto del carosello sono visibili varie versioni come quella rettangolare oppure circolare.

Il porta spiedini Woodhouse, nella versione “tagliere rettangolare” misura 10×40 cm circa e sia gli spiedini che gli alloggi per i piattini che si vedono nelle foto sono optional (in ogni caso non inclusi e fatti solo su misura e su richiesta specifica).

Inoltre i Woodhouse sono personalizzabili con una piccola incisione (come ad esempio sul manico nella versione rettangolare) per dare un tocco unico al proprio arredo. Nelle foto di esempio il piccolo logo del locale Il Pesciaio di San Martino in Rio (RE).

Chi era John Woodhouse?

John Woodhouse fu de facto, l’invetore del vino Marsala. Fu un mercante inglese (di Liverpool) dedito all commercio delle ceneri di soda che, nel 1773, navigando lungo le coste siciliane si imbattè nel porto di Marsala. Frequentando il porto di tale cittadina, ebbe la fortuna di bere quello che i Marsalesi chiamavano “Perpetuum”, cioè un vino usato solo per le grandi occasioni. John Woodhouse ne rimase colpito e decise di esportarlo in Inghilterra. Essendo il tragitto lungo aggiungense dell’alcol per preservalo e si accorse che il sapore divenne molto simile al vino Porto. Da lì il resto è storia: gli Inglesi si appassionarono talmente tanto a questa bevanda che iniziarono ad investire in Sicilia. Arrivarono quindi Colett, Pane, Hoppes, Ingham, Whitaker e, ovviamente, la stirpe di imprenditori italiani Florio. Oggi, dopo più di duecento anni, il vino Marsala è ancora in auge e contraddistingue uno dei vini made in Italy più blasonati al mondo.

Back To Top